Questo sito non utilizza cookie persistenti e raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito o cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. Per saperne di più leggi la Privacy policy.

TEATRO MODERNO
Programmazione

A teatro con mamma e papà: Drammatico vegetale. Alice attraverso lo specchio

Domenica 09 dicembre 2012 alle 17:00


Liberamente ispirato al racconto di Lewis Carroll
Teatro di figura ed attore con videoproiezioni, dedicato ai ragazzi dai 5 ai 10 anni
di Ezio Antonelli, Pietro Fenati, Elvira Mascanzoni
con Pietro Fenati, Elvira Mascanzoni, Giuseppe Viroli
scenografia e immagini virtuali Ezio Antonelli
figure Pietro Fenati, Elvira Mascanzoni
musiche originali Luciano Titi
luci Gabriele Clementi
voce Alice Anna Fedriga
regia Pietro Fenati
organizzazione William Rossano, Sara Maioli
produzione Ravenna Teatro

Tutto avviene in un freddo e nevoso giorno d'inverno. Alice è sola in casa; la sua gattina gioca coi gomitoli di
lana, lei invece non sa che fare. Sempre le solite cose, i soliti giochi, che noia. C'è una scacchiera, è vero lì vicino,
ma quello è un gioco per grandi, ed Alice non conosce bene le regole. Alice si avvicina . "Mah, se al posto di
questo pezzo mettessi la mia bambola preferita... la mia gattina poi potrebbe giocare con me...micia vieni...
dai... facciamo finta che..." E' in quel momento che Alice nota lo specchio di fronte alla scacchiera; Alice sposta
un pezzo e nello specchio un altro pezzo si muove; Alice muove la mano, e nello specchio un'altra Alice muove la
mano. Alice sa benissimo che l'altra Alice è solo un'immagine allo specchio, non è mica una bambina piccola lei:
ha già sette anni e mezzo! In ogni caso, sarebbe bello passare dall'altra parte dello specchio. Tocca la superficie
dello specchio toc toc, poi ci alita sopra per appannarlo un po' e... Alice varca il velo lattiginoso dello specchio e qui inizia la sua avventura, in uno stato di sogno, oltre lo specchio.
Alice in questo nuovo mondo a forma di scacchiera, abitato dai personaggi degli scacchi, su consiglio della Regina
Rossa diventa pedina. Diversamente, sarebbe esclusa dal gioco e quindi dal mondo dello specchio.
Come pedina allora, se giocherà bene, potrà ambire al ruolo di Regina. Da adesso in poi, quello che avverrà dovrà ubbidire alleregole di una realtà distorta.

Alice avrà a che fare con personaggi dai comportamenti assurdi. Il tempo e lo spazio
sembreranno fuori controllo. Le parole poi, chi le capisce più...sembra un mondo di pazzi. Nonostante tutto, Alice
vuole diventare Regina, vuole-deve diventare adulta, però... Forse, nel sogno di Alice le regole assurde dettate dai grandi, i loro comportamenti altrettanto assurdi, le prescrizioni tassative, le spiegazioni incomprensibili, non sono altro che la rappresentazione fin troppo lucida della condizione del bambino quando ha a che fare con gli adulti, col nostro mondo. Orari e regole precisi dalla mattina alla sera, relazioni sociali accuratamente programmate, il tutto condito con una strana coerenza a senso unico.

In Alice assistiamo allora, in un formale rispetto delle convenzioni, ad un incontro-scontro fra due solitudini, a dialoghi tra bambino ed adulto che sembrano soliloqui speculari: la stessa parola, la stessa frase, hanno significati diversi per Alice ed il suo interlocutore. Chi ha ragione e chi ha torto? A questa domanda, un abitante dello specchio, probabilmente, risponderebbe: "ho ragione io perché lo dico io" o qualcosa del genere. Un punto di vista tipicamente adulto. Noi invece, per partito preso o per gioco, (rivelando così la nostra natura di adulti e teatranti) guardiamo il mondo al di qua e al di là dello specchio con gli occhi di Alice. Un mondo illogico e divertente, buffo e irrazionale, curioso e misterioso, sognante e sognato.
Cos'è la vita, se non un sogno?

CAMPAGNA ABBONAMENTI: da sabato 20 a venerdì 26 ottobre (festivi esclusi) dalle 10 alle 13 presso la Biglietteria del Teatro Goldoni di Bagnacavallo e sabato 27 ottobre dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 19 presso la Biglietteria del Teatro Moderno di Fusignano. Si accettano prenotazioni telefoniche a partire da lunedì 22 ottobre (tel. 0545 64330). Gli abbonamenti prenotati telefonicamente dovranno essere ritirati il 27 ottobre dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 19 presso la Biglietteria del Teatro Moderno di Fusignano.
BIGLIETTI: prevendita il giorno precedente la data di rappresentazione dalle 10 alle 13. Nei giorni di spettacolo la biglietteria apre un'ora prima dell'inizio di ogni rappresentazione.

Abbonamenti settore unico (3 spettacoli) Adulti/bambini Euro 13,00
Biglietti settore unico Adulti/bambini Euro 5,00

PROMOZIONE SPECIALE: presentando il biglietto del Teatro presso i locali in elenco verrà applicato a scelta uno sconto del 10% sulla consumazione alla carta oppure il menù a Euro 8 ed Euro 10. È gradita la prenotazione.
Il Biglietto è valido solo il giorno stesso dello spettacolo o del cinema.
Ristorante Pizzeria Hotel Mazzanti Tel. 0545-50407
Osteria Della Brusca Tel. 0545-953909
Ritorante Pizzeria Dal Magnifico Tel. 0545-50893
Agriturismo Podere Rossetta Tel. 0545-53479
L'O Osteria Cucina e cantina Tel. 0545-70026
Antica Trattoria del Teatro Tel. 0545-35164
Agriturismo Cavecchia Tel. 0545-3213

Il campione

Il campione

Sabato 11 maggio 2019 alle 21:00

Domenica 12 maggio 2019 alle 21:00