Questo sito non utilizza cookie persistenti e raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito o cliccando sui link al suo interno accetti il servizio e gli stessi cookie. Per saperne di più leggi la Privacy policy.

TEATRO MODERNO
Programmazione

Barbie

Sabato 07 ottobre 2023 alle 21:00
Domenica 08 ottobre 2023 alle 17:30
Domenica 08 ottobre 2023 alle 20:30


Barbie stereotipo e una vasta gamma di altre Barbie vivono a Barbieland, una società matriarcale in cui tutte le donne sono sicure di sé, autonome e di successo. Mentre i Ken trascorrono le loro giornate impegnandosi in attività ricreative in spiaggia, le Barbie ricoprono tutte le posizioni lavorative importanti come medici, avvocati e politici. Ken è felice solo quando è con Barbie e cerca un rapporto più stretto, ma Barbie lo respinge preferendo l'indipendenza e le serate tra amiche.

Durante un ballo ad una festa, Barbie inizia a preoccuparsi improvvisamente della sua morte. Il giorno dopo, scopre di non poter più completare la sua solita routine, che i suoi piedi si sono appiattiti (ciò è intollerabile per le Barbie, i cui talloni non poggiano a terra) e che ha la cellulite. Barbie stramba, un'emarginata saggia ma sfigurata, le dice che per curare la sue afflizioni, dovrà viaggiare nel mondo reale e trovare la bambina che gioca con lei. Sulla strada per il mondo reale, Barbie trova Ken nascosto nella sua decapottabile e con riluttanza gli permette di unirsi a lei.

Arrivati a Venice Beach, i due provocano molteplici buffonate e vengono arrestati, allarmando l'amministratore delegato di Mattel, che ne ordina la cattura. Barbie rintraccia la sua proprietaria, un'adolescente di nome Sasha, che la critica per aver incoraggiato standard di bellezza irrealistici e consumismo sfrenato. Sconvolta, Barbie scopre che Gloria, dipendente della Mattel e madre di Sasha, è la vera responsabile della sua crisi esistenziale: la donna aveva iniziato a giocare con le Barbie di Sasha mentre aveva una crisi di identità, trasferendo inavvertitamente le sue preoccupazioni a Barbie. Gloria e Sasha salvano Barbie dall'amministratore delegato di Mattel e dai suoi subordinati, viaggiando insieme verso Barbieland.

Nel frattempo, Ken viene a conoscenza della società patriarcale e si sente rispettato e accettato per la prima volta. Tornato a Barbieland, convince gli altri Ken a prendere il sopravvento e le Barbie vengono sottomesse a ruoli minori come governanti, casalinghe e simpatiche fidanzate. Barbie arriva e cerca di convincere i Ken e le Barbie a far tornare le cose com'erano ma viene respinta. Diventata depressa Gloria le fa un discorso stimolante su cosa significhi essere una donna. Con l'incoraggiamento di Sasha, Gloria, Barbie stramba, Allan e altre bambole fuori produzione, le Barbie si liberano dai Ken e li manipolano sentimentalmente facendo in modo che combattano tra di loro, permettendo alle Barbie di riconquistare le loro posizioni di potere e impedire ai Ken di alterare la Costituzione e di sancire la superiorità maschile. Le Barbie si rendono anche conto dell'errore del loro precedente sistema sociale e decidono di apportare alcune modifiche a Barbieland, iniziando un percorso verso la parità di trattamento per i Ken e tutte le bambole emarginate.

Barbie e Ken si scusano a vicenda e riconoscono i loro sbagli. Ken si lamenta di non essere niente senza Barbie, per cui lei lo incoraggia a trovare la sua identità da solo. Barbie, ormai insicura di chi sia davvero, incontra lo spirito della co-fondatrice di Mattel e inventrice di Barbie Ruth Handler, che le spiega che la vita di Barbie non ha una fine prestabilita e la sua storia in continua evoluzione supera quella delle sue radici.

Così Barbie decide di diventare umana e tornare nel mondo reale. Qualche tempo dopo, Gloria, suo marito e Sasha portano Barbie, che adesso si fa chiamare Barbara Handler, al suo primo appuntamento dalla ginecologa.